Richard Ginori in liquidazione

Non bastano 277 anni di storia per evitare di cadere. Purtroppo leggiamo dal Sole 24 Ore che Richard Ginori, storica manifattura di porcellane di Sesto Fiorentino (Firenze) è stata schiacciata da 30 milioni di debiti e da una grave crisi di liquidità. Ieri l’assemblea straordinaria ha votato la messa in liquidazione della società presieduta da Roberto Villa, che alla testa di Starfin spa l’aveva rilevata nel 2007, e nominato i tre liquidatori che avranno il compito di gestirne il destino. Si tratta dello stesso Villa, di Marco Milanesio (presidente del collegio dei liquidatori) e di Nicola Lattanzi.
L’azienda conta 332 dipendenti e nessuno ha mai messo in dubbio la qualità della produzione di piatti e porcellane.
Dopo le perdite del 2011 (38,8 milioni quelle della capogruppo, che hanno portato il patrimonio netto negativo per 19,3 milioni), il capitale sociale era stato ridotto fino a finiere al di sotto del limite legale. In assenza di ricostituzione e di nuovi investitori, la strada è stata obbligata.
Peccato perché nello stesso anno la ripresa del fatturato (+24% con un totale di 44 milioni nel 2011) era stata elevata. 

2 thoughts on “Richard Ginori in liquidazione

  1. Salvate la richard ginori .Pensate a quante generazioni hanno mangiato, nei suoi piatti, e quanti hanno potuto mangiare grazie alle loro produzioni . Salviamo le nostre eccellenze e i nostri ricordi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...